#Focus – Comunità. Dal 2023 il turismo lento del treni della Dolce Vita anche in Maremma e Val d’Orcia

Un turismo lento ed ecosostenibile, a bordo di carrozze di lusso, per riscoprire l’Italia più conosciuta ma anche destinazioni meno frequentate. Ecco la formula del Treno della Dolce Vita, il primo progetto di turismo su rotaia con un’offerta luxury promosso da Arsenale e Trenitalia e presentato alla stazione Ostiense di Roma alla presenza tra gli altri dei ministri dello sviluppo Giancarlo Giorgetti, del turismo Massimo Garavaglia e della sindaca di Roma Virginia Raggi.

Il progetto, che partirà con il primo treno di lusso nel gennaio 2023, avrà cinque treni e 10 tratte iconiche (da 1-3 notti), arrivando ad attraversare 14 regioni e toccare 128 città, attraverso 16 mila chilometri di linee ferroviarie percorribili (di cui 7mila non elettrificate). Nei treni 20 suite e 12 cabine deluxe per un totale di 32 cabine per treno e una capienza totale di 64 passeggeri, con l’obiettivo di arrivare a trasportare 74mila passeggeri entro in 2026. Ha spiegato l’ad e direttore generale di Trenitalia Luigi Corradi: “Sarà un mezzo sicuro ed ecosostenibile per riscoprire i luoghi più affascinanti e nascosti della penisola: il Treno della Dolce Vita è un progetto che porterà sulle rotaie una nuova forma di turismo slow per valorizzare le bellezze del nostro paese dalle città d’arte alla piccola provincia. Il Treno della Dolce Vita rappresenta tutto quello che dobbiamo fare nei prossimi mesi. Vorrei che i turisti quest’anno viaggiassero in treno e per questo noi abbiamo fatto uno sforzo importante per supportare il turismo”.

I treni della Dolce Vita collegheranno le tratte più suggestive d’Italia: le Alpi, la val d’Orcia, i sassi di Matera, il basso Lazio, il triangolo d’oro di Trapani o la Sicilia barocca. Gli itinerari sono una decina: due alla scoperta del Nord, lungo le vie dell’Amarone e attraverso la regione del tartufo e del vino. Due al Centro: si va alla scoperta dei borghi della Val d’Orcia e della Maremma toscana. Ci sono anche gli itinerari della via Transiberiana tra l’Abruzzo e il Molise e un treno che andrà alla scoperta della Basilicata e delle sue tradizioni ancestrali. Infine non poteva mancare il Salento o la Sicilia barocca. Il treno della Dolce Vita è un progetto che porterà i turisti e gli appassionati di mobilità lenta alla scoperta degli angoli più suggestivi e nascosti del Belpaese attraverso antiche tratte ferroviarie e una forma di turismo non compromessa dai ritmi dell’Alta Velocità e delle linee commerciali.