Primo seminario interregionale sul sistema sangue italiano

Back to news list

Primo seminario interregionale sul sistema sangue italiano

Due giorni su donazione del sangue e valori, punto di partenza di un confronto necessario tra le regioni italiane 
Successo per la due giorni sul sistema sangue nazionale verso il cambiamento 
Presenti tutte le regioni e 16 centri regionali sangue italiani

Due giorni sulla donazione del sangue, il suo utilizzo e i valori da trasmettere in una fase di profondo cambiamento. Di questo hanno trattato i lavori del seminario interregionale sul sistema sangue italiano “Le regioni a confronto per affrontare insieme il cambiamento”, che si è tenuto venerdì 18 e sabato 19 ottobre a Firenze, Convitto della Calza, con una grande partecipazione di addetti ai lavori da tutta Italia, e che si è aperto con l’intervento dell’assessore alla Salute della Regione Toscana, Luigi Marroni.

Organizzato dalla Regione Toscana (assessorato al Diritto alla Salute e Centro Regionale Sangue), da alcune associazioni di donatori del sangue (Avis Toscana, Anpas, Fratres e Croce Rossa Italiana) e dalla Fondazione Campus di Lucca, in collaborazione con l’azienda biofarmaceutica Kedrion, l’iniziativa aveva lo scopo di sollecitare un confronto a livello interregionale sulle prospettive di cambiamento dell’intero Sistema Sangue nazionale, grazie alla partecipazione di tutte le Regioni italiane e di 16 Centri Regionali Sangue.

L’argomento su cui si è concentrato il dibattito, che ha visto la piena partecipazione anche delle associazioni di donatori, è il riordino dei centri trasfusionali previsto entro il 31 dicembre 2014, che porterà le Regioni ad accordarsi ed aggregarsi per lo sviluppo di sistemi interregionali.

Partecipanti ed organizzatori hanno trovato molto utile questo seminario ed auspicato la prosecuzione della discussione in altri momenti di confronto pubblico, “In modo da aggiornarsi non solo sulla scadenza prevista nel 2014 per la razionalizzazione del sistema trasfusionale italiano – come ha precisato Luciano Franchi, presidente di Avis Toscana – ma sull'oggi e sulle tante sfide e necessità che viviamo all’interno dei nostri sistemi regionali”.

“Non abbiamo sbagliato – ha detto Simona Carli, direttore del Centro Regionale Sangue della Toscana - quando abbiamo intuito che un momento di confronto come questo era davvero indispensabile, e sono orgogliosa di fare parte di questo sistema. Tutti dobbiamo fare la nostra parte per andare incontro con successo ai cambiamenti che stanno avvenendo, tenendo presenti in primis i valori etici della donazione”.

Le foto in allegato, relative alle due giornate, sono di Luigi Casentini.

News

VIDEO